You are hereAggregatore notizie / Sorgenti / ivg.it

ivg.it


Condividi contenuti
Notizie in tempo reale, savona news: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo ...
Aggiornato: 1 ora 33 min fa

Calcio: il Vado inizia gli allenamenti e prende anche Samuele Chicchiarelli

%age fa

Vado Ligure. Ancora un nuovo arrivo per il Vado, che comunica di aver raggiunto l’accordo con il calciatore Samuele Chicchiarelli.

Attaccante esterno classe 1997, Chicchiarelli, dopo l’esperienza nel settore giovanile del Genoa, ha sempre militato in Serie D vestendo le maglie di Venezia, Viareggio, Tuttocuoio e Real Forte Querceta.

Nel frattempo, c’è stata la prima presa di contatto per il Vado edizione 2020/2021. Nel pomeriggio di mercoledì 5 agosto calciatori e staff della prima squadra si sono ritrovati presso lo stadio Ferruccio Chittolina per la distribuzione del materiale d’allenamento.

Presente per l’occasione tutta la dirigenza rossoblù, in primis presidente Franco Tarabotto. Ieri, giovedì 6 agosto, a partire dalle ore 18,30, si è svolto il primo allenamento stagionale.

Categorie: Notizie Locali

Sp12 Savona-Altare: oggi la riapertura al traffico in località Cà de Ferrè

%age fa

Savona-Altare. La Strada provinciale SP12 “Savona-Altare”, riaprirà al traffico veicolare, in località Cà de Ferrè (km 14+860), a partire dalle 16 di oggi, venerdì 7 agosto. La strada sarà riaperta con limite di 30 km/h.

La Provincia di Savona può finalmente riportare la percorribilità sulla tratta, restituendo ai cittadini un importante snodo di comunicazione. La chiusura risale infatti agli eventi alluvionali di novembre 2019 (9 mesi fa), che avevano provocato un importante movimento franoso che aveva portato via la sede stradale e la conseguente apertura del cantiere.

Dopo la riapertura di oggi continueranno a fine agosto i lavori di completamento dell’asfaltatura.

“Finalmente possiamo riportare ai cittadini la percorribilità sulla SP 12. La nostra Provincia ha saputo rispondere prontamente alle esigenze del territorio grazie ad un lavoro sinergico di tutti gli uffici . Un grazie anche a tutti coloro, tecnici e imprese, che hanno partecipato a questo cantiere con grande dedizione”, ha dichiarato il consigliere provinciale delegato Luana Isella.

Categorie: Notizie Locali

Rassegna Zeronovanta atto quinto: la Cantera TDL Gran Mix sul gradino più alto

%age fa

Sempre Libertas, sempre festa e pathos. Ancora un evento eccezionale, ancora una manifestazione azzeccata, ancora tante emozioni in una serata d’estate da non dimenticare. Pur facendo i conti con la Fase 3 si è svolta giovedì 6 Agosto con grande successo e vasti consensi  la quinta rassegna calcistica giovanile dedicata questa volta ai giovani allievi della leva 2005.

All’interno della bellissima struttura ludico-sportiva Zeronovanta di Altare in provincia di Savona, nella fascia serale dalle 20.00 alle 22.30, si sono incrociati per dar luogo ad una kermesse deprivata di contenuti agonistici tutta da disputarsi in una due giorni, quattro gruppi appositamente creati per riempire il vuoto venutosi a creare durante il lockdown e colmato da tante gradite sorprese.

Perfetta ed efficiente è risultata l’organizzazione curata nei minimi dettagli dalla Asd FD Football Management del presidente Fabrizio Dotta e della sua  impeccabile vice Caterina Pera. Una coreografia da sogno al fresco della valle, che oltre a garantire sicurezza estrema prendendo in grande considerazione i parametri e le prescrizioni legati all’emergenza Covid-19 (Coronavirus) in merito all’igienizzazione, alla sanificazione delle superfici, ha garantito il corretto distanziamento fisico. Il sodalizio è stato coadiuvato nel compito dal qualificato direttore tecnico/sanitario dott. Felicino Vaniglia, uno dei perni dell’appuntamento sportivo.

Nel quadrangolare hanno giostrato i migliori talenti della categoria. Alla fine la Gran Mix Cantera TDL in divisa biancoblù guidata dal mister Massimiliano Natrella  (premiato con la maglia ufficiale del Cesena quale allenatore del futuro) si è imposta sulle contendenti, dominando per 6 a 1 sulla seconda Pizzeria Da Andrea (guidata dal marpione Alberto Zunino), sulla terza La Puliter e sulla quarta Titanic.

Quattro gruppi spontanei insomma che con slancio e condivisione di intenti hanno aderito al creativo progetto Libertas e con il loro entusiasta supporto hanno fornito quell’entusiasmo che sta alla base del ritorno positivo ottenuto affrontando la kermesse con la speranza di dare un prezioso contributo culturale e morale al percorso di rinascita che ci vede tutti impegnati.

Premi speciali sono andati al giocatore più giovane (Lorenzo Buso, il portierino classe 2007), ai Top Player Riccardo Buso (Titanic), Bavazzano Alessandro (La Puliter), Ariaga Hellkin (Pizzeria Da Andrea) e Seccafin Alberto (Gran Mix Cantera TDL). Miglior portioere Francesco Putignano (Pizz.Da Andrea) e miglior attaccante Francesco Olivieri ed una medaglia ricordo su nastro irridato al miglior giocatore Bartolomeo Gamba entrambi del team vincente. Per tutti i partecipanti i buoni sconto offerti dalla Sport Net di Carcare.

È stata una piacevole altra occasione di lasciarci alle spalle i tempi bui pur continuando a tenere alta la guardia, all’insegna del “Ce la faremo!”. Sabato 8 a partire dalle 18.00 saranno di scena i piccoli 2011 e per quanti vorranno ci sarà la possibilità attraverso la Wild Phoenix Country Team di effettuare uno stage gratuito di ballo a tema. Forza dunque incoraggiamo la ripresa stando al fianco della Libertas.

Categorie: Notizie Locali

Savona, Videomessaggio di Elisa D’Ospina per celebrare “Curvy on the beach – Bellezze…a tutto tondo”,

%age fa

Savona. Sabato 8 agosto alle ore 16:00 l’inaugurazione di “Curvy on the beach – Bellezze…a tutto tondo”, l’opera vincitrice del bando promosso dall’amministrazione comunale “Giardini d’Artista”. “Un manifesto per tutte le donne che devono iniziare a volersi bene, un manifesto contro il body shaming” . Così la definisce in un video messaggio Elisa D’Ospina, modella curvy più conosciuta in Italia, oltre che conduttrice televisiva, blogger e autrice del libro “Una Vita tutta curve”.

“Ma non solo, è anche e soprattutto un messaggio chiaro a favore delle donne che ancora una volta il sindaco Ilario Caprioglio vuole lanciare” commenta la D’Opsina che racconta: “Io e Ilaria ci siamo conosciute anni fa, è tanto tempo che prendiamo parte ad iniziative che ci accomunano. Vi ringrazio, spero di essere lì presto, un bacio a tutta Savona”.

“Ringrazio Elisa D’Ospina per aver accolto il nostro invito a essere presente, almeno con un videomessaggio, all’inaugurazione – dichiara il sindaco Caprioglio – La sua testimonianza è importante, Elisa è impegnata da anni in questa campagna di sensibilizzazione contro i disturbi del comportamento alimentare”

“Insieme ad Elisa, la filosofa Michela Marzano e la ballerina solista della Scala Maria Francesca Garritano avevamo partecipato alla prima Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla, promossa dall’associazione ‘Mi nutro di vita’ e istituzionalizzata il 15 marzo come giornata di sensibilizzazione contro i disturbi del comportamento alimentare” conclude.

Categorie: Notizie Locali

Movida, scatta l’ordinanza anti-alcolici: stop alla vendita dopo le 2,30 in 13 Comuni

%age fa

Provincia. Se ne è discusso nell’ambito del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Sul tema si sono confrontati i Comuni del savonese. E stamani è stata pubblicata l’ordinanza sindacale condivisa dalla maggior parte dei comuni del litorale savonese. Hanno aderito e la adotteranno 13 Comuni: Alassio; Borgio Verezzi; Celle Ligure; Ceriale; Finale Ligure; Loano; Noli; Pietra Ligure; Savona; Spotorno; Andora; Borghetto Santo Spirito; Laigueglia.

Gli altri enti, invece, andranno “in solitaria”, pubblicando una propria ordinanza ad hoc, ai fini di arginare gli episodi di vandalismo e disordine pubblico registrati nelle ultime settimane.

Di seguito quindi le nuove disposizioni, che vigeranno da oggi fino al 31 agosto, nei 13 Comuni in questione: “è fatto divieto di somministrare e vendere al dettaglio e per asporto bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 2,30 alle ore 6.00 di ogni giorno nel periodo da venerdì 7 agosto e fino a lunedì 31 agosto; è fatto divieto di vendere al dettaglio e per asporto bevande alcoliche e superalcoliche (con gradazione superiore ai 21°di alcol) tutti i giorni dalle ore 20 alle ore 6 del giorno dopo da venerdì 7 agosto a lunedì 31 agosto”.

E ancora: “è fatto divieto permanente di vendere al dettaglio e per asporto bevande superalcoliche (con gradazione superiore al 21% di alcol) dalle ore 20 del giovedì alle ore 6 del lunedì da venerdì 7 agosto e fino a lunedì 31 agosto 2020; è vietata la vendita per asporto fuori dai locali di bevande in bottiglie, bicchieri o altri contenitori di vetro e/o metallici da parte degli esercenti che svolgono la propri attività commerciale in sede fissa o su aree pubbliche, in laboratori artigianali, esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, circoli privati, market, distributori automatici e attività similari tutti i giorni dalle ore 20 alle ore 6 del giorno dopo nel periodo decorrente da venerdì 7 agosto a lunedì 31 agosto”.

“Abbiamo cercato di dare uniformità di intenti, – ha spiegato Angelo Galtieri, vicesindaco di Alassio, che da giorni, insieme al Comandante della Polizia Municipale di Alassio si interfaccia con gli altri sindaci del savonese, – anche per favorire l’intervento di controllo da parte delle forze dell’ordine”.

“Se Savona ha però imposto la chiusura dei locali alle due di notte il coordinamento dei sindaci ha optato per una scelta più morbida e rispettosa della vocazione turistica del territorio: dalle 2,30 i locali non potranno più somministrare bevande alcoliche di qualsiasi genere”, ha proseguito Galtieri.

“Non avremmo mai voluto, ma neanche pensato di dover arrivare a tanto nel tentativo di proteggere la città, la cittadinanza residente e non da certo ‘turismo’; e certo non è stata una decisione presa a cuore leggero. Confidiamo che questa ordinanza, adottata dalla maggior parte dei sindaci del litorale savonese, unita allo straordinario lavoro congiunto e sinergico di tutte le forze di polizia impegnate sul territorio possano costituire risposta adeguata, vincente e utile a soffocare sul nascere episodi di inqualificabile inciviltà. Mi sia concessa infine l’occasione, che credo condivisa da tutti. per ringraziare tutte le forze dell’ordine per il lavoro già svolto, nelle ultime settimane, per aver tempestivamente identificato e fermato gli autori dei disordini e dei danneggiamenti occorsi”, ha concluso il vicesindaco di Alassio.

Di seguito, il commento del sindaco di Laigueglia Roberto Sasso Del Verme: “In questo momento stiamo ancora lavorando per un’ordinanza comune, l’ideale sarebbero che tutte le amministrazioni della costa avessero un’unica linea guida in modo da non disorientare i turisti. Naturalmente ci sono tante realtà diverse da valutare, a breve ci sarà spero una soluzione congiunta con la partecipazione della maggioranza dei sindaci della costa. Nel frattempo approfitto per ringraziare le forze dell’ordine, soprattutto carabinieri e polizia, per la mole di lavoro fatta nel mio Comune anche oltre i servizi ordinari: soprattutto nei weekend hanno dato davvero un grande supporto per dare quella sensazione di sicurezza che per Laigueglia è sempre stata un fiore all’occhiello”.

Tra i Comuni che andranno “in solitaria”, come anticipato in precedenza, c’è proprio il capoluogo di Provincia Savona, che ha invece previsto il divieto di vendita di alcolici da asporto dalle 20 e chiusura dei locali alle 2.

“L’ordinanza è scaturita a seguito del confronto fra i sindaci, con gli esercenti della Darsena e dopo una interlocuzione con la Prefettura. Purtroppo non siamo riusciti a convergere su tutti i punti ma abbiamo, comunque, dimostrato di voler fare sistema con una ordinanza quasi del tutto omogenea”, ha spiegato il primo cittadino della Città della Torretta Ilaria Caprioglio.

Categorie: Notizie Locali

Esperienza e attaccamento alla Cairese: Massimo Caracciolo mister degli Allievi 2005

%age fa

Cairo Montenotte. L’allenatore della leva 2005 della Cairese, per la stagione 2020/2021, sarà Massimo Caracciolo.

Esperienza e attaccamento ai colori gialloblù sono elementi peculiari della sua figura. Mister Caracciolo da ormai dodici anni allena nel settore giovanile cairese con grande entusiasmo.

Inoltre, può vantare anche trascorsi importanti a livello di prime squadre. Tutto ebbe inizio con il Bragno, condotto dalla Seconda Categoria alla Promozione.

Alla Cairese è legato da un triplo filo: ne è stato giocatore, ne è stato allenatore della prima squadra e ora si occupa di preparare le nuove leve al calcio dei grandi. “Cairo? Ce l’ho nel cuore. Come ho nel cuore Carlo Pizzorno, che mi scelse per allenare la prima squadra” ammette Massimo.

Ho avuto buone sensazioni dopo i primi allenamenti estivi – commenta in riferimento alla prima presa di contatto con i suoi nuovi giocatori -. Si tratta di una leva molto preparata, con ragazzi che al momento mi sembrano seri e disponibili, oltre ad essere un gruppo coeso e fatto di amici. Spero davvero che queste prime impressioni vengano confermate”.

Sulle peculiarità della categoria Allievi, Caracciolo aggiunge: “Si tratta di un biennio fondamentale per la crescita caratteriale dei giocatori perché si avvicinano sempre di più al gioco degli adulti. Penso che alla base di tutto debba esserci il divertimento. Gli allenatori del settore giovanili devo avere tra i vari obiettivi anche quello di non far passare ai ragazzi la voglia di giocare a calcio. Al contempo, tuttavia, è anche importante creare una cultura della fatica e del sacrificio. Perché altrimenti una volta venuti in contatto con le asperità del calcio ‘adulto’ si rischia di non essere pronti mentalmente e di mollare. Anche la vittoria ha un peso relativo nei ragazzi e a volte può addirittura essere controproducente, può far pensare che tutto sia facile e si corre il rischio di non arrivare pronti al termine delle trafile giovanili. Imparare è l’obiettivo“.

Categorie: Notizie Locali

Calciomercato: Vernice è un giocatore del Finale, Berra torna per il Vadino

%age fa

Finale Ligure. In vista della prossima stagione, nella quale giocherà il campionato di Eccellenza, l’Asd Fbc Finale comunica di aver raggiunto un accordo con la società Asd Loanesi San Francesco per il trasferimento a titolo definitivo del giocatore Francesco Vernice.

Dopo la scorsa stagione in prestito alla corte di mister Buttu, “Ciccio”, portiere classe 1999 loanese di nascita e di formazione calcistica, ha convinto a suon di prove convincenti la società finalese ad acquisire completamente il diritto alle sue prestazioni sportive.

“A lui vanno tutti i migliori auguri da parte del Finale – scrive la dirigenza – con l’auspicio di poter raggiungere insieme gli obbiettivi prefissati con reciproca soddisfazione”.

In Seconda Categoria, torna a giocare Davide Berra. Esterno difensivo, leva 1994, indosserà la maglia del Vadino. In passato ha giocato con Albenga e Pontelungo.

Categorie: Notizie Locali

Il Comune di Loano è in cerca di idee e progetti dal turismo alla cultura, dal sociale allo sport: come inviare la propria domanda

%age fa

Loano. Il Comune di Loano cerca idee e proposte. E’ stato pubblicato in questi giorni, sul sito istituzionale del Comune di Loano, un avviso pubblico per la presentazione di progetti relativi ad attività e manifestazioni negli ambiti turistico, culturale, sociale e sportivo da realizzare nel corso del 2021.

L’avviso è rivolto alle associazioni del territorio, che per risorse ed esperienze sono da sempre le partner ideali e preferite dell’amministrazione comunale nella programmazione di iniziative per la valorizzazione del comprensorio.

I progetti ritenuti più meritevoli potranno beneficiare di un contributo economico per la loro realizzazione. Le domande dovranno essere presentate secondo il modello disponibile sul sito istituzionale del Comune di Loano (dove è pubblicata tutta la documentazione necessaria) e dovranno pervenire a protocollo a mezzo posta all’indirizzo “Comune di Loano Ufficio URP, piazza Italia 2, 17025 Loano (Sv)” o via pec all’indirizzo loano@peccomuneloano.it.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 2 novembre 2020.

Categorie: Notizie Locali

Andora, record di partecipanti da tutta Italia: ecco i vincitori del concorso letterario “Ag Noir”

%age fa

Andora. Sono arrivati da tutta Italia i 66 racconti partecipanti al concorso letterario “Ag Noir” di Andora che ieri sera ha proclamato i dieci vincitori nell’ambito della prima serata del Festival Ag Noir, promosso dal Comune di Andora che ha debuttato ieri con grande successo con gli ospiti Gianluigi Nuzzi, Luciano Garofano ex comandante i Ris di Parma e Stefano Bicocchi in arte Vito che ha presentato il suo libro “Buono da morire”.

Il concorso ideato dal Comune di Andora, curato da CE Contemporary, premia i dieci racconti vincitori con la pubblicazione gratuita nel volume Onda Noir – Errori Giudiziari, edito dalla casa editrice Insedicesimo.

I vincitori presentati da Christine Enrile sono appassionati di noir ed alcuni scrivono anche attingendo al proprio universo professionale. Non mancano, infatti, avvocati, laureti in giurisprudenza e autori con un passato lavorativo negli uffici giudiziari. Molti hanno già collezionato premi nazionali. L’antologia Onda Noir è in vendita nel corso del Festival del Noir Ag Noir di Andora che prosegue fino all’8 agosto nei giardini Tagliaferro di Andora (ore 21, ingresso libero).

Ma ora veniamo ai racconti vincitori e agli autori: Il pezzo mancante di Alessandro Manzi di Sezze, Il vandalo indelebile di Arianna Pioli di Roma, La Trappola di Carlo Ragonese di Catania, Criminali di Pace di Giovanni Maria Pedrani, Nessun segno di frenata di Mariagrazia Roversi di Brescia, Il pendolare di Nicola Gaeta (in foto) di Cuneo, Restare uniti di Paolo Delpino di Milano, Colpevole Pietro Furlotti di Parma (in foto), Il Don di Riccardo Mantellini di Cervia e La cassiera scrupolosa di Roberto Masini Alessandria.

La giuria che ha selezionato i lavori era guidata da Cecilia Scerbanenco e formata da Maria Teresa Nasi, assessore alla cultura del Comune di Andora, Monica Napoletano, giornalista, ed Enrico de Ghetaldi, docente e scrittore.

Categorie: Notizie Locali

Celle Ligure: Annaluna Pittella e Riccardo Acquilino sono “i più veloci dell’estate”

%age fa

Celle Ligure. Primo evento organizzativo proposto dal Centro Atletica Celle Ligure dallo stop imposto a fine febbraio: si registra una gran voglia di ripartenza, di rimettersi in gioco. Partendo proprio dai più giovani, da quello che sarà il futuro.

È così che seguiamo con simpatia (ed un po’ di apprensione) i primi 50 metri da solo contro il cronometro di Giacomo Siri (classe 2018… come dire 2 anni) incerto se piangere per essersi trovato al centro dell’attenzione o sorridere per la felicità di avere èportato a compimento l’impresa.

Decisamente più esuberante (ma si sa… le donne son più portate…) Sofia Ferro, già più matura… Lei di anni ne ha 3… Nella fascia 4-5 anni in campo femminile si impone Emilia Siri mentre tra i maschi vittoria all’elvetico Samuele Ciotti, proveniente da Locarno.

La classifica per i 6-8 anni premia Rebecca Battaglia (Milano) ed uno dei giovani talenti del Centro Atletica Celle Ligure, Riccardo Rizzo, il rimo ad abbattere il “muro” dei 10 secondi (9″41 il suo crono, decisamente di tutto rispetto).

Nella categoria riservata ai 9-11 anni ad imporsi nel femminile è Giulia Giacobbe (Vado Ligure) in un ottimo 8″88. Tra i maschi sfida al centesimo tra il vincitore Ilias Lagreni (Atletica Gillardo) primo in 8″86 ed il milanese Jacopo Locati (8″87 all’arrivo).

Tra le ragazze primeggia Luisa Nolasco (Atletica Gillardo), mentre fra i ragazzi emerge Gabriel Quattropani (Atletica Ceriale): ottimo il suo tempo di 6″88.

Nella gara riservata alle cadette vittoria per la cellese Annaluna Pittella, che risulta anche la più veloce rappresentante del gentil sesso in questa giornata, aggiudicandosi la gara in 7″82. Tra i cadetti vittoria per Alberto Ranzani da Cuggiono in 7″01.

Tra i grandi solo una lady in gara: Arianna Falco e la “doppietta di famiglia” sfugge per solo un centesimo. Infatti il marito di Arianna, Andrea Rossi, glorioso sprinter di solo qualche annetto fa, chiude in seconda posizione correndo in 6″69. Solo un centesimo di più della rivelazione di giornata, un altro cellese, Riccardo Acquilino, che sfreccia in 6″68. Podio dedicato alla coppia Carlo Agosto-Samuele Reverdito, appaiati a 6″80.

Complessivamente 63 partecipanti per questa simpatica kermesse individuale a cronometro organizzata con il patrocinio del Comune di Celle Ligure nella insolita sede della ex galleria ferroviaria su lungomare Crocetta. Un importante viatico per organizzatori e tecnici del Centro Atletica Celle Ligure per concentrarsi su una difficile ma motivante ripartenza.

Categorie: Notizie Locali

Albissola Marina ricorda il partigiano Nicolò Saettone: ci sarà anche Gad Lerner

%age fa

Albissola Marina. Lunedì 10 agosto alle 18.15 verrà inaugurato ad Albissola Marina il nuovo cippo in ricordo del martirio del partigiano Nicolò Saettone, con il giornalista e scrittore Gad Lerner e lo storico Matteo Revelli.

L’evento, a cui parteciperanno anche l’artista Mario Nebiolo che ha donato all’ANPI di Albissola Marina, sezione “Gustavo”, si svolgerà in via delle Industrie in località Galaie, zona interessata dalla recente apertura del nuovo Viale Faraggiana che collega la costa con l’ex area industriale albissolese.

In occasione, interverranno il sindaco di Albissola Marina Gianluca Nasuti e altri rappresentanti dell’amministrazione comunale, don Gino Peluffo e i rappresentanti dell’ANPI provinciale e territoriale.

Categorie: Notizie Locali

Calcio: scompare la Loanesi San Francesco

%age fa

Loano. Nella stagione sportiva 2020/2021 la Loanesi San Francesco non ci sarà più. La squadra rossoblù, che avrebbe dovuto partecipare al prossimo campionato di Promozione, è definitivamente sciolta.

A renderlo noto, attraverso un comunicato sulla pagina Facebook, della società, è la dirigenza, rappresentata da Ugo Piave: “Visto ormai i rapporti logorati con l’amministrazione comunale di Loano e visto quello che si sono inventati concedendo la gestione dell’impianto sportivo ad una cooperativa non sportiva, sono a mio malgrado a non completare la pratica di iscrizione al campionato di Promozione 2020/2021 poiché in queste condizioni e con le tariffe (elevate) da loro deliberate per gli affitti del campo non è possibile programmare una rinascita partendo dal settore giovanile, Juniores e prima squadra”.

Non potendo programmare e ricostruire continuare in queste condizioni mi sembra solo una perdita di tempo” conclude, proseguendo nelle critiche rivolte all’amministrazione.

Dopo 115 anni di vita sportiva, la Loanesi San Francesco non c’è più. E Loano, Comune di 11.004 abitanti, non ha una società calcistica. Un fatto impensabile nel recente passato, ma che nella difficile realtà attuale sta diventando comune, in tutta Italia, a diverse località.

Ecco, tratto dall’eccellente blog Storiadelcalciosavonese, curato da Luciano Angelini e Franco Astengo, la storia del sodalizio rossoblù.

Vale la pena ricostruire la storia del calcio in quel di Loano, che inizia nel 1905 con la fondazione dell’US Gagliardi, mentre nel 1923 si formò l’US Loanese, trasformatisi poi in Dopolavoro Loanese e citata, con questa denominazione, nel primo Almanacco del Calcio (l’attuale “Panini”) pubblicato nel 1939.

Grazie al lavoro di dirigenti come Olivieri, Amico, Lorenza, le due compagini svolsero una intensa attività nel periodo compreso tra alle due guerre, disputando anche qualche campionato di I Divisione.

Nel 1946 si registrò la fusione e nacque la Gagliardi Loanesi. In quel tempo operava un grande animatore Giorgio Ellena che, dopo essere stato giocatore negli anni ’30, assunse la presidenza della società nel 1948.

A Ellena è dedicato l’impianto sportivo loanese, inaugurato con il torneo 1948/1949 , con l’incontro Loanesi-Altarese.

Ad Ellena succedettero nel massimo incarico dirigenziale Podestà, Giubellini e Casarini.

Il primo grande successo arrivò con la stagione 1957/1958. I rossoblù (i colori erano stati scelti come omaggio per il Genoa dei 9 scudetti) si schierarono, per la prima volta, allo start del campionato di Eccellenza. Ricordiamo la rosa completa di quella storica squadra: portieri Siccardi e Anselmi; difensori, Bovero, De Biasi, Vignolo (proprio il mitico Gino, già protagonista in Serie A con il Genoa e in Serie B con il Savona), Roncati, Boi, Rembado; centrocampisti Biggi, Franchi, Detomin, Ricci, Mucci; attaccanti: Spampinato (ex velociano), Saglietto, Della Bona, Renato Antibo e Firpo.

Il decennio successivo, caratterizzato dalle presidenze Vacirca, Voltolini e Ballesio registrò una Loanesi da prime piazze. Terzo posto nelL 60-61; 6° nel 61-62; 5° nel 62-63 e nel 63-64.

Sarebbero tantissimi i giocatori da citare, ma siamo costretti a limitarci all’essenziale, il potente Maritano, il classico Grazzini (già di Savona e Veloce), il genovese Thea, i vadesi Gaglione, Martinucci, Pittaluga, il micidiale Carlotto, il classico Testera, il roccioso Gian Negro, i portieri Vicini, Stagnaro, Nan.

Nella stagione 1968/1969 furono ristrutturati i campionati e la Loanese fu nuovamente ammessa al girone unico d’Eccellenza, dopo aver disputato un ottimo torneo nel corso della stagione 67/68, sotto la guida di Ermes Muccinelli, con gli ex ingauni Luciano Testa e Ciotti, il portiere Sozzi, i difensori Maddalena e Fabio Calzolari e lo sgusciante Franco Battaglia.

Retrocessa in Prima Categoria con l’annata 70/71, nonostante le ottime prestazioni del “motorino” Graziani, la squadra rossoblù tornò ai vertici del calcio ligure vincendo il campionato 72/73: l’allenatore Pezzulich poteva contare sul portiere Piotto, i difensori Nasturzio, Damonte (successivamente entrato nei ranghi dirigenziali), Pesce; in mezzo al campo c’erano Montini, Sinagra, Magliano e di punta Lovetere. Nel frattempo erano sorte a Loano altre compagini come la Fulgor (che disputò qualche buon campionato anche in Seconda Categoria), la Veloce ed il Sampdoria Club.

Negli successivi concluse a Loano la sua carriera il portiere Paolo Merciai, già protagonista a Bari in Serie B ed a Savona in Serie C. Arrivarono tempi bui, con un declassamento fino alla Seconda Categoria.

Il riscatto arrivò con la presidenza Pizzorno: due promozioni consecutive (84/85 e 90/91): nel frattempo si era realizzata la fusione con la San Francesco, che aveva portato in dote un florido settore giovanile.

Il campionato 1991/1992 registrò il ritorno della Loanesi nei ranghi del torneo di Eccellenza: allenatore Tonoli che disponeva, tra gli altri, dei due Burastero, Caramello, Persenda, Meneghetti, Miotti; Villa.

Seguirono alcune ottime stagioni (ricordiamo in panchina lo “zonista” Fulvio Piovano), con il lancio di un ottimo allevamento di giovani calciatori curato dall’infaticabile Giuseppe Burlando che chiamò a Loano fior di istruttori: da “Victor” Panucci a Mauro Bonanni a “Lallo” Bossolino.

Siamo arrivati, così, alle stagione 2003/2004: con la presidenza Piave, l’avvento alla direzione tecnica del plurivittorioso Flavio Ferraro e l’acquisto di tanti giocatori importanti che hanno trascinato la Loanesi, per la prima volta, a disputare un campionato fuori dai confini regionali.

Il successivo torneo di Serie D 20054/2005 registrò un’agevole salvezza vanificata improvvisamente, un vero e proprio fulmine a ciel sereno, dalla scoperta da parte della Federazione di irregolarità amministrative che costarono la retrocessione d’ufficio.

Da allora per la Loanesi non si è più verificata l’opportunità di uscire dal contesto dei campionati regionali, pur essendo state allestite buone squadre.

Categorie: Notizie Locali

Fratelli d’Italia manifesta davanti alla sede di Aspi: “Una catena umana contro lo scandalo Autostrade”

%age fa

Liguria. Una “catena umana”, promossa da Fratelli d’Italia, ha manifestato oggi davanti ai “Punto Blu” di Autostrade per l’Italia per dire che “i liguri sono stufi della mancata programmazione dei lavori ed i controlli nelle gallerie della Regione”.

“Ancora ieri ore di coda per arrivare a Sestri Levante così come nel ponente ligure sono state paralizzate le autostrade e questo si riduce ad un enorme danno economico per i liguri. Oggi Fratelli d’Italia ha detto basta a tutto questo ed ha manifestato con una catena umana ai bordi delle autostrade mostrando cartelli e chiedendo a gran voce rispetto per i liguri e una programmazione efficiente ed efficace, non possiamo rinunciare alla sicurezza stradale, ma nemmeno mettere in ginocchio una regione per mancanza di programmazione”.

“”Ormai siamo ad una situazione insostenibile – dichiara il capogruppo al Comune di Genova Alberto Campanella – e io fui il primo ancora nella fase 1 di lockdown a denunciare i cantieri deserti sulle nostre Autostrade. Non ci voleva la palla di vetro per predire una situazione come questa ed in una stagione turistica già anomala per il Covid la Liguria soffre per l’incapacità di programmazione di ASPI e quella di vedere la realtà del ministro DeMicheli”.

“Il partito di Giorgia Meloni è da sempre vicino ai cittadini ed alle imprese e pensa alla sicurezza dei liguri, ma non per questo si arrende alle bugie del ministro De Micheli e di Autostrade per l’Italia”.

Categorie: Notizie Locali

Approvato piano strategico regionale per la prevenzione dello spreco alimentare e il recupero delle eccedenze

%age fa

Regione. È stato approvato, nell’ultima seduta di giunta regionale, il piano Strategico Regionale di prevenzione dello spreco alimentare e recupero delle eccedenze alimentari, frutto del lavoro del Tavolo di coordinamento regionale sul tema del recupero, donazione e redistribuzione di prodotti alimentari a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi.

Il piano strategico regionale mette a sistema le diverse realtà territoriali coinvolte nel tema, e cioè Comuni, Terzo settore e grande distribuzione, in modo da metterle in rete e costruire così un sistema integrato che permetta a questi soggetti di dialogare e lavorare in rete.

L’obiettivo, come conseguenza diretta, è quello ridurre gli sprechi, destinare più facilmente le eccedenze alimentari dove ce se sia bisogno e salvaguardare così anche l’ambiente riducendo la produzione di rifiuti.

Categorie: Notizie Locali

Denominazioni Comunali, Ciangherotti (FI): “Il registro regionale non esiste, nonostante gli annunci di tre anni fa”

%age fa

Albenga. “Il registro regionale delle De.Co. non esiste, nonostante gli annunci di tre anni fa”. A rivelarlo è Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale ad Albenga e consigliere provinciale.

“Qualche giorno fa avevo scritto del registro regionale delle De.Co., le Denominazioni Comunali, sottolineando come questo strumento possa essere importante per valorizzare e promuovere il settore agroalimentare ligure, un patrimonio di gusto da utilizzare anche in chiave turistica. La Regione, tre anni fa, aveva annunciato con squilli di tromba l’istituzione di un razionale e valido Registro delle De.Co. Liguri, arrivando ad organizzare, lo scorso anno, la prima rassegna delle De.Co. a Cairo Montenotte. Molti Comuni della nostra Regione, dietro anche questo annuncio, hanno istituito il registro comunale delle De.Co., inviando alla Regione i verbali di assegnazione, sicuri che il loro prodotto, la loro ricetta tipica, la loro tradizione fosse ormai inserita in un circuito di valorizzazione. Anche perchè, assieme all’istituzione del registro regionale delle De.Co., era stato annunciato il finanziamento di una campagna promozionale, di iniziative volte e promuovere le eccellenze comunali”.

“Ho voluto approfondire la questione, ho scritto alla Regione chiedendo del registro delle De.Co.. Quello che ho scoperto è sconvolgente, il Registro, a distanza di tre anni, non esiste, così come, ufficialmente, in tutta la Liguria c’è solo una De.Co. già approvata, le raviore di Montegrosso Pian Latte. Sarà colpa degli Uffici? Sarà colpa dell’assessorato? Io non lo so, non lo posso sapere, ma certo che se una operazione, importante in chiave agrituristica, a costi limitatissimi, nel giro di tre anni non è stata portata avanti nonostante gli annunci, mi chiedo cosa ne è degli sbandierati progetti da finanziare. Saranno stati finanziati? Saranno partiti? Non mi fermo, indago, mi informo e poi lo scriverò”.

“Non va bene promettere e non mantenere quando si hanno responsabilità di governo, sono cose che rendono la politica poco credibile e, soprattutto, fanno male alla nostra Regione”, conclude Ciangherotti.

Categorie: Notizie Locali

Albenga, nella chiesa del Sacro Cuore il funerale del dottor Domenico Ciccione

%age fa

Albenga. Si terranno lunedì 10 agosto alle 15.30 nella chiesa del Sacro Cuore di Albenga le esequie di Domenico Ciccione, medico ingauno molto conosciuto e stimato e deceduto ieri.

Urologo, classe 1933 (86 anni), ha lavorato a lungo (oltre 40 anni) presso l’ospedale di Albenga, divenuto poi Santa Maria di Misericordia. 

La notizia della sua morte ha fatto ben presto il giro di vie e caruggi ingauni, suscitando il cordoglio di amici, conoscenti e i numerosi pazienti che, negli anni, si sono affidati alle sue cure. 

Il dottor Ciccione è deceduto presso il Santa Corona di Pietra Ligure: domani pomeriggio la salma sarà trasferita presso l’ospedale Santa Maria di Misericordia, dove è stata allestita la camera ardente. Non verrà recitato rosario.

Residente sul viale di Albenga, Domenico Ciccione ha lasciato la moglie Matilde, le figlie Elena e Michela. La famiglia chiede non fiori ma offerte a favore della croce bianca di Albenga.

 

Categorie: Notizie Locali

“Calici di Stelle” sold out, aperte le prenotazioni per “Emys Award” con Brumotti e Vergassola

%age fa

Albenga. Grande successo per “Calici di Stelle” al chiostro di San Bernardino ad Albenga. L’evento, che quest’anno ha cambiato location diventando ancora più elegante ed esclusivo, è andato sold out.

Affermano l’assessore all’agricoltura Silvia Pelosi ed il consigliere delegato alla valorizzazione dei prodotti del territorio Ilaria Calleri: “Nella giornata di ieri abbiamo esaurito tutti i posti per ‘Calici di Stelle’ e, quindi, non è più possibile prenotarsi per partecipare alla serata. Siamo molto contenti del successo che ha riscosso e ci dispiace che, per il rispetto delle normative Anti-Covid, non sia possibile accettare ulteriori prenotazioni. Il format è piaciuto molto e questo rafforza ancor più la nostra intenzione di continuare a valorizzare questa splendida location attraverso l’organizzazione di altri eventi”.

Il programma della serata prevedeva alle 18.30 la visita guidata al complesso di San Bernardino a cura dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri; alle 20.30 l’inizio della degustazione dei vini e dei prelibati piatti preparati con particolare attenzione con i prodotti del territorio.

Le serate di grande intrattenimento ad Albenga, continueranno con un altro appuntamento da non perdere domani sera: gli Emys Award. La serata avrà inizio alle 21 presso l’Arena sul Mare e sarà ad ingresso gratuito.

Vittorio Brumotti riceverà l’ambito premio nell’ambito di una serata animata dalla sagacia di Dario Vergassola che offrirà al pubblico un divertente spettacolo di cabaret. Ospite d’eccezione anche il primo vincitore del premio Emys Antonio Ricci.

Per non rimanere senza posto, nel rispetto delle normative Anti-Covid, si consiglia la prenotazione che potrà essere effettuata contattando lo IAT del Comune di Albenga di piazza San Michele raggiungibile telefonicamente al numero 3355366406.

Categorie: Notizie Locali

Varazze, un difensore da Eccellenza per mister Berogno: Edoardo Severi

%age fa

Varazze. Ancora un colpo di mercato del Varazze Don Bosco, che non nasconde le proprie ambizioni.

La formazione che sarà allenata da Gianni Berogno potrà contare su Edoardo Severi. Nato nel gennaio 1999, difensore, Severi nella stagione 2016/2017 ha giocato in Eccellenza con la Voltrese Vultur, per poi passare al Savona, con il quale ha disputato un campionato di Serie D, iniziando anche il successivo, spostandosi poi al Vado a metà stagione. Nella scorsa annata ha militato in Eccellenza nel Rivasamba.

Nella graduatoria dei ripescaggi in Eccellenza, il Varazze Don Bosco, con 253,50 punti, è secondo solamente al Canaletto Sepor. Considerato che il Vado dovrebbe salire in Serie D e la prossima Eccellenza sarà a venti squadre, nel massimo campionato regionale ci sarebbe spazio sia per il Canaletto, sia per il Varazze, sia per il Molassana, terzo con 204,00 punti. Lo sapremo nel pomeriggio di oggi, quando la LND regionale ufficializzerà i ripescaggi.

Categorie: Notizie Locali

La Camera di Commercio pronta a ripartire nel savonese: appuntamento all’11 settembre con “Azzurro pesce d’autore”

%age fa

Savona/Andora. Dopo il lockdown e nonostante le difficoltà ancora evidenti per l’emergenza legata al Covid-19, l’azienda speciale “Riviere di Liguria” della Camera di Commercio di Savona, Imperia e La Spezia torna a svolgere il proprio ruolo di sostegno economico a favore delle imprese del territorio e a mettere in campo iniziative per supportare il settore turistico e agroalimentare, vero motore dell’economia ligure.

“La ripresa post Covid non è semplice per le imprese – affermano dalla Camera di Commercio della riviera – la stagione turistica è partita in ritardo con flussi concentrati principalmente durante i weekend. Segnali positivi per il mese di agosto, considerate le prenotazioni e l’arrivo dei turisti stranieri, si spera quindi di prolungare la stagione confidando nel bel tempo anche nei mesi di settembre e ottobre”.

“Il lungo periodo di quarantena – spiega Ilario Agata, direttore di Riviere di Liguria – ha fermato una serie di attività importanti. Ora la Camera di Commercio ricomincia le attività di promozione e animazione dei territori con progetti comunitari (turismo, agroalimentare, pesca, innovazione) che interessano le province di Savona, Imperia e La Spezia”.

L’attività dell’Azienda Speciale Riviere di Liguria riprenderà dunque con il sostegno a eventi e manifestazioni subito dopo Ferragosto. Il comparto del turismo che si sviluppa non solo sulla costa ma allarga gli orizzonti ai borghi dell’entroterra e all’offerta green legata alle attività sportive all’outdoor, così come il settore agricolo in generale, con le eccellenze legate alla produzione di olio extravergine d’oliva, ai vini di grande qualità, la pesca tradizionale, il commercio dei nostri centri storici possono costituire ancora una volta il veicolo e l’impulso per ripartire con la consapevolezza del valore del sistema Liguria.

In particolare, in provincia di Savona, il prossimo appuntamento che vedrà coinvolta l’azienda Riviere di Liguria riguarda “Azzurro pesce da autore” dall’11 al 13 settembre ad Andora.

“L’impatto dell’emergenza coronavirus è da analizzare sul lungo periodo, le conseguenze sul sistema produttivo della Liguria, caratterizzata da un tessuto già fragile, avranno un impatto diversificato sulle attività e sui posti di lavoro – conclude Agata – Da qui la necessità di uno sforzo ancora maggiore per aiutare le piccole-medie imprese liguri a rimettersi in moto”.

 

Categorie: Notizie Locali

Vendita Isola Gallinara, i Verdi Savonesi: “Trasformarla in un parco pubblico è possibile”

%age fa

Albenga. “La prelazione’ sull’acquisto dell’Isola Gallinara è possibile e ci sono dei precedenti importanti”. Ne è sicuro il portavoce dei Verdi Savonesi Gabriello Castellazzi, che interviene così sulla vicenda riguardante la vendita della celebre isola situata tra Albenga e Alassio che di recente sarebbe stata acquistata da un magnate ucraino.

Secondo Castellazzi, per far diventare l’isola “un parco pubblico a beneficio della cultura locale e del turismo savonese sarebbe sufficiente seguire lo stesso iter burocratico attivato nel 2016 dal sindaco del piccolo Comune di Capaccio-Paestum in Campania. In quell’anno nel territorio di quel Comune, ai confini del noto sito archeologico di Paestum, veniva messo in vendita un edificio storico, inserito in una vasta area parco, con potenzialità enormi anche dal punto di vista naturalistico. Grazie al provvidenziale intervento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, informato dell’atto di vendita, veniva portata a termine la pratica di acquisizione dei preziosi beni
(4 milioni di Euro) mettendo in atto il diritto di prelazione”.

“L’operazione venne perfezionata grazie all’intervento della Soprintendenza ai Beni Culturali della Campania e partì immediatamente dopo la trasmissione, da parte del Comune, di una delibera di giunta che rivolgeva al ministero competente la formale richiesta di acquisizione di tali beni al patrimonio pubblico. Il documento era opportunamente corredato dai certificati di destinazione urbanistica e dai titoli edilizi relativi agli immobili presenti nell’area. Legambiente definì questo provvedimento ‘una scelta lungimirante per investire nel futuro in bellezza e cultura’”.

“L’Isola Gallinara, per fortuna nostra, presenta caratteristiche storico-ambientali analoghe a quel sito Campano. L’eredità storica della Gallinara riguarda la presenza sull’isola, nel IV secolo d. C. , di Martino di Tours (pellegrino tra i popoli europei e uno dei fondatori del monachesimo in occidente), nel 1162 di Papa Alessandro III (durante il suo trasferimento in Francia) e l’insediamento della Badia Benedettina che dall’VIII al XIV secolo operò nei vasti possedimenti in terraferma, da Sanremo a Finale Ligure. I valori naturalistici e del paesaggio sono certificati e sottolineati dal fatto che l’isola è ‘Parco Naturale Regionale dell’Isola Gallinara’ in forza delle legge regionale numero 40 del 12 settembre 1977 e della legge numero 11 del 26 aprile 1989 sulle ‘Norme per la salvaguardia dei valori naturali e per la promozione di parchi e riserve naturali in Liguria’. La legge è molto chiara e tende a ‘garantire la tutela, la riqualificazione dell’ambiente naturale e dei valori storico-culturali, delle caratteristiche paesaggistiche del territorio con particolare riguardo al patrimonio zoologico-botalico-archeologico- geomorfologico, per promuovere la fruizione a fini scientifici, culturali e didattici dei beni ambientali in forme compatibili con la loro tutela’. Tutto ampiamente documentato nella recente ricerca pubblicata dal WWF”.

“La Regione Liguria prevedeva che il Comune di Albenga potesse ‘procedere all’acquisizione delle aree e degli immobili, indispensabili per l’attuazione dei programmi, mediante espropriazione per pubblica utilità, ai sensi e con le modalità di cui alla normativa vigente in materia qualora non si fosse pervenuti alla stipula di una convenzione con i privati’. Le risorse finanziarie sarebbero derivate da contributi regionali e di altri Enti pubblici o privati. Questo non avvenne. Ma non si possono ripetere gli errori del passato. Per i Verdi savonesi è il momento di recuperare il tempo perduto”.

Categorie: Notizie Locali

ALLENAMENTI

=======================
Ragazzi under 12
Lunedì 17,45 - 19,30
Mercoledì 17,45 - 19,30
***********************
Cadetti under 15
Martedì 17,45 - 19,30
Giovedì 17,45 - 19,30
***********************
Seniores
Martedì 18,45 - 20,30
Giovedì 18,45 - 20,30
***********************
***********************

gli Appuntamenti

***********
IMPORTANTE
***********
....Stiamo arrivando ...
****************

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.